I gatti miagolano principalmente con noi umani, tra di loro non hanno bisogno di molta comunicazione verbale, si avvalgono invece di postura, coda e fusa per far capire le loro intenzioni ed emozioni. 
Le mamme gatto possono richiamare i cuccioli prima di allattarli con un leggero miao, o i gatti maschi non sterilizzati possono miagolare alle femmine per invitarle ad accoppiarsi o ad altri gatti maschi quando vogliono decidere il territorio e la loro supremazia. Generalmente comunque in situazioni domestiche, se avete più di un gatto già sapete che i miao principali sono per voi per chiedere coccole, cibo o di uscire in giardino.

Postura

Pancia in su

Se il gatto si posiziona a pancia in su mentre gli fate le coccole, questo dimostra affezione e piena fiducia in voi. Per loro, infatti, questa è la posizione più vulnerabile quindi se dovessero adottarla siatene più che felici. Attenzione però a fargli i grattini sulla pancia, a parte alcune eccezioni, solitamente non gradiscono.

linguaggio non verbale dei gatti - pancia in su, si fida di voi

Schiena inarcata

Se il gatto è posizionato di sbieco rispetto all’interlocutore e rimane gonfio, vuol dire che è molto nervoso, impaurito e forse pronto anche all’attacco!
Potete vedere questo comportamento in situazioni di paura, per esempio se incontra un cane di grossa taglia aggressivo o esuberante, potrebbe o scappare o assumere questa posizione di difesa e soffiargli per poi attaccarlo agli occhi.
Stesso atteggiamento quando litiga con un altro gatto.

linguaggio non verbale dei gatti - schiena inarcata, paura e difesa

Coda

Dritta verso l’alto, è felice.
Verso l’alto ma con una curvatura finale, è felice e vi ama.
Gonfia, è arrabbiato ed aggressivo.
Scodinzolante, muove la coda, è infastidito.
Bassa, tra le gambe, è spaventato.

linguaggio non verbale dei gatti - coda dritta, è felice

Orecchie

In avanti, è contento, probabilmente sta giocando.
All’insù ma molto tese, è in allerta.
Indietro, laterali, abbassate vicino alla testa, ha paura, è irritato, ansioso, lasciatelo stare.

linguaggio non verbale dei gatti - orecchie del gatto in avanti, è contento

Fusa

La maggioranza delle volte le fusa sono espressione di estrema felicità e goduria del gatto; al contrario, il gatto può anche attivarle in situazione di stress per darsi conforto.
Le mamme gatte quando allattanno fanno spesso le fusa, per rilassare e dar piacere a se stesse e ai cucciolini. Tral’altro, il meccanismo che produce le fusa è ancora ambiguo, non è ben chiaro se ci sia o meno un organo unico che produca questo suono.

linguaggio non verbale dei gatti - gatta fa le fusa per dare sicurezza ai micini

Comportamenti e vocalizzi

🐈 Strusciare la testa, corpo e coda addosso a una persona (o animale). Il vostro gatto vuole indicare che siete di sua proprietà, il suo umano, lascerà su di voi un impercettibile (per voi) odore, che farà capire ad altri gatti che voi siete suoi. Solitamente questa manifestazione di affetto è probabilmente il loro saluto di benvenuto al rientro a casa.
🐈 Se mentre vi guarda piano piano chiude gli occhi o vi fa l’occhiolino, indica che si fida di voi e si sente al sicuro.
🐈 Licking. E’ l’equivalente dei bacini.
🐈 Un vocalizzo in stile “mà, umà” indica “ciao human”.
🐈 “Maaaaaaaooow”, vuol dire decisamente “dammi da mangiare”.

linguaggio non verbale dei gatti - occhiolino

Se ti è piaciuto questo articolo ti saremo grate se lo condividi su Facebook.

Meow!