Manipura, terzo chakra, chiamato anche plesso solare, è posizionato all’altezza dell’ombelico, poco più su. Significa la città della gemma e il suo elemento è il Fuoco. E’ il centro dove ha origine l’energia personale, fisica e mentale, ed è legato all’ambizione, al potere, all’orgogliosità.

Riequilibrare il terzo chakra - Manipura yantraAvere Manipura in equilibrio significa attraversare la vita a testa alta, sicuri delle proprie azioni e scelte, senza indecisioni e paura di fallire, essere persone di successo, con personalità, che trainano.
Avere uno squilibrio del terzo chakra, significa avere complessi di superiorità, calpestare gli altri, provare rabbia e aggressività, concedersi solo in cambio di un vantaggio. Uno squilibrio può provocare anche complessi di inferiorità, depressione, indecisione, insicurezza economica e sonno agitato.

Manipura rappresenta la mia personalità, “io esisto e ci sono”, ho coraggio e affronto la vita con decisione, identifico le situazioni a me favoreveli e penso, innanzitutto, al mio benessere.

per equilibrare gli altri chakra con cristalli, yoga e meditazione clicca qui.

Pietre e cristalli per energizzare il terzo chakra

Le pietre che si usano per energizzare il terzo chakra, sono solitamente quelle dalle sfumature di colore Giallo.
Nella scelta della pietra con cui lavorare potete lasciarvi guidare dall’intuito, o semplicemente scegliere quella che richiama per prima la vostra attenzione.

In questo caso, le più adatte, energizzanti e protettive sono: DIASPRO, CALCITE, CALCEDONIO, TORMALINA, nelle tonalità gialle, ma anche PIRITE e OCCHIO DI TIGRE.

Di grande aiuto anche l’AMBRA, non esattamente una pietra o un cristallo, bensì resina fossile di oltre 4 milioni di anni. Ha proprietà protettive ed equilibranti.

RIEQUILIBRARE IL TERZO CHAKRA - quarzo citrino
Quarzo citrino

Last but not least, la pietra per eccellenza del terzo chakra è il meraviglioso..
QUARZO CITRINO o CRISTALLO CITRINO
Un cristallo trasparente dalle leggere sfumature color limone.
Largamente diffusi i falsi citrini, cioè ametiste di scarsa qualità, esposte al calore per ottenere un colore giallo dorato. Questo processo di “cottura” dell’ametista può accadere naturalmente in natura, in ambienti metamorfici o essere fatto artificialmente dall’uomo.

Curiosità: tradizionalmente il cristallo citrino è considerato una pietra portafortuna legata al successo e ai soldi. Per accettarsi l’arrivo di denaro, può essere portato con se, nel portafogli, o essere conservato in casa in un bicchiere con delle monete dorate. Per garantire il successo di un’attività commerciale, invece, può essere posto nel negozio, oppure vicino, o all’interno, del registratore di cassa.

Chakra 1,2,3: La sfumature e differenze cromatiche di ogni citrino, gli permettono di essere una pietra efficace per tutti i primi 3 chakra: radicante (grounding) per il primo; bilanciante per il secondo; e energizzante per il terzo chakra.

Il citrino promuove
. Sicurezza e fiducia in se stessi
. Raggiungimento dei propri obiettivi
. Ottimismo
. Calma del sistema nervoso

YOGA

Federica Brunelli, fondatrice di Nu Lotus Yoga, presenta questo flow mirato per riequilibrare e portare armonia al terzo chakra, Manipura. La pratica è volta a donare coraggio sicurezza e senso di appartenenza.

per altri video di Federica seguila sul canale youtube.

Meditazione su Manipura chakra

La meditazione sul terzo chakra ha l’obiettivo di conoscere se stessi, esplorarsi, uscire dal sé a cui siamo abituati per scavare più in profondità il nostro vero Io. Con la meditazione perdiamo l’identificazione che diamo a noi stessi: io sono questo corpo, queste mani, questo viso, .., per approcciarci al proprio intero energetico.

Siediti comodamente, incrocia le gambe e raddrizza la schiena. Posiziona le tue pietre, accendi un incenso e una candela o una lampada. Chiudi gli occhi, rilassa le parti del tuo corpo, stacca la lingua dal palato. (leggi qui la tecnica del rilassamento).
Segui il tuo respiro, è fresco quando entra dalle narici, caldo quando esce. Segui il suo flusso, entra, sale verso il cranio, scende dal collo, arriva al torace, poi scende ancora più giù per poi risalire. Fallo per diversi minuti, se ti distrai, ritorna a seguire il tuo respiro. L’obiettivo è rilassare il corpo e fermare la mente.

Posiziona la mano destra sull’ombelico, mentre respiri cerca di sentire un turbine, una spirale d’aria lenta che va amplificandosi. Ad ogni respiro diviene più caldo e l’energia più percettibile. Togli la mano, e guarda come un calore rosso e giallo si espandono dall’ombelico andando a riscaldare tutto il corpo in ogni sua parte. L’energia è ovunque: dita delle mani, dei piedi, lobi delle orecchie, tutto si scalda e si diffonde. Continua con questa percezione per diversi minuti, poi ritorna a seguire il respiro e a raffreddare il corpo. Senza fretta riprendi a muovere i piedi e le mani e con estrema calma riapri gli occhi.


Credits: “Le radici della Consapevolezza” di Sandro Sabioni; Fede Yogi.
Img: chakrashifth, azelmraven. Arte: io sono punto.

Seguici su fb x essere aggiornato sui nuovi articoli! Per approfondire come riequilibrare gli altri chakra clicca #yoga, se invece sei interessato alla scuola di yoga di Federica guarda qui.


 

Cuscino da Meditazione Lotus Basso

Voto medio su 2 recensioni: Da non perdere

€ 39.95
Cuscino Mezzaluna Pula Piccolo

Voto medio su 10 recensioni: Da non perdere

€ 33