FlowColor Therapy è un laboratorio esperienziale di arte e terapia, ideato da due giovani donne che attraverso pratiche olistiche, la libera pittura intuitiva, tecniche di respirazione e danza primitiva, aiutano l’individuo ad avvicinarsi alla parte più profonda di se stesso.

Noi di afterKa abbiamo avuto il piacere di conoscere le fondatrici e il loro workshop innovativo, e abbiamo voluto intervistarle per chiedere di condividere con i nostri lettori qualcosa in più sull’attività che propongono, perché a noi è sembrata davvero un’idea che porta libertà interiore.

Perché avete scelto di chiamare il vostro laboratorio “FlowColor”?

“Flow” è rivolto ai movimenti fluidi che danno inizio al laboratorio e “Color” è quello che rimane nella tela ma anche dentro il cuore dei partecipanti.

Volevamo un rapporto di equilibrio tra noi che stiamo portando avanti questo progetto, c’è sembrato che potesse parlare delle nostre pratiche senza che una delle due potesse sembrare più o meno importante dell’altra.

Claudia, Ethel Alexandra, raccontateci di FlowColor Therapy, cos’è e in cosa consiste?

FlowColor Therapy è un laboratorio di mezza giornata in cui ci immergiamo in uno spazio “Fuori dal Tempo”, liberi da preoccupazioni e stress che occupano la nostra vita quotidiana.

Nella fase iniziale pratichiamo le discipline olistiche provenienti dallo Yoga, tecniche di respirazione Pranayama e altre scienze umane che si connettono alla danzaterapia e a esercizi di bioenergetica tratti da Alexander Lowen. Inoltre, utilizziamo vocalizzi che si rifanno alle pratiche sciamaniche.

Nella seconda fase del laboratorio, in una stoffa di un metro per un metro, ci confrontiamo con il colore, non come tinta in quanto tale, ma come sblocco emozionale che ha la capacità di andare inconsciamente oltre i limiti del mentale, che da sempre sabota molte delle nostre capacità creative attraverso insicurezze e paure. Ogni partecipante dipinge un quadro con il corpo, pennelli e altri attrezzi, risvegliando il bambino interiore che è dentro ad ognuno di noi.

L’opera dipinta rimarrà come ricordo esperienziale e come testimonianza visibile della propria libertà e identità. E’ stimolante poter rivivere quelle sensazioni di liberazione e di sfogo delle emozioni inespresse, osservando ogni giorno a casa il proprio dipinto.

Che cosa succede in questo luogo fuori dal tempo?

A parole può sembrare un’esperienza semplice, ma è unica nel suo genere perché durante il laboratorio vengono unite diverse attività antiche come yoga, respirazione, sciamanismo, arti liberatorie come la danza e pittura libera, tecniche psicocorporee come la bioenergetica; quando sembra essere tutto finito, si ricomincia. La prima parte del laboratorio è propedeutica alla seconda fase dove si mette in pratica attraverso il colore quello che si è appreso, immergendosi in una nuova realtà dove il colore è in grado di accompagnarci fuori dal tempo.

FlowColor può essere vissuto come un percorso emozionale e introspettivo verso il proprio cervello emotivo, avvicinandosi e prendendo contatto con la parte più vera di sé stessi, ridando vita e spessore a ricordi ed emozioni, suscitando ragionamenti che possono cambiare il modo di osservare e grazie a questa forma d’arte possiamo prendere coscienza e imparare ad accettare meglio noi stessi.

In altre parole, si riscoprono emozioni che pensavamo di non avere, quelle più profonde e nascoste. Durante il laboratorio impariamo a riconoscerle e a lasciarci andare, respirando dentro queste parti di noi.

A chi consigliate il vostro laboratorio?

FlowColor è un progetto che interessa a tutti coloro che vogliono concretamente entrare in contatto con il proprio corpo e che vogliono liberarlo da paure e gabbie invisibili, può interessare anche a te che stai leggendo! Noi lo consigliamo a tutti!

Ragazze, parlateci un po’ di voi

Siamo Claudia, Artista Visuale, plurilaureata al Naba (guarda qui le mostre passate e presenti di Claudia), e Ethel Alexandra, Operatrice Olistica specializzata in Thai Yoga, Hatha Yoga, vocalizzi, danza, iridologia.

Ci siamo conosciute a Londra durante una vacanza solitaria nel 2013, entrambe nei successivi anni abbiamo seguito diversi corsi oltre a tutto l’iter preparatorio che oggi ci permette di organizzare il laboratorio, come ad esempio il metodo Franklin, Reiki, Meditazioni Sciamaniche, Meditazioni Taoiste, Yoga, Meditazioni angeliche, Visualizzazioni, corsi di campane tibetane e molti altri.. ed entrambe in comune avevamo un sogno nel cassetto! 

Claudia voleva creare dei laboratori per insegnare a dipingere in modo libero dalle tante convenzioni artistiche, ed Alexandra sognava di mescolare elementi di Yoga e Vocalizzi imparati nei corsi di Norman Briski (noto preparatore per attori) per proporli in workshop attinenti alla creatività. Dopo visioni ricorrenti, segnali dell’universo e “coincidenze”, abbiamo deciso di unire le nostre due passioni e con un briciolo di coraggio abbiamo ideato e dato vita a ”FlowColor Therapy”.

flow color therapy - claudia e alex - insegnanti del laboratorio

Tra i vari feedback che abbiamo ricevuto, questo nella sua semplicità, ci è sembrato quello che esprimesse in modo diretto le sensazioni che lascia questa esperienza

“Dopo il laboratorio, mi sono sentita scaricare tutte quelle energie poco positive che mi circondavano e l’effetto del lavoro svolto con le ragazze dura ancora”

Chiara P. di Milano


Claudia e Alexandra organizzano workshop “FlowColor Therapy” a Milano presso l’associazione culturale di arte contemporanea “Overground”, dietro prenotazione e in varie città italiane; per le date aggiornate guarda gli eventi.

Seguiteci e seguitele su facebook per rimanere sempre aggiornati!