Hai acquistato un chakra set, formato da 7 pietre, una per ogni chakra.. ma ora non sai come usarlo? O cosa farne? Bene, te lo spieghiamo nel corso dell’articolo.

Per poter lavorare efficacemente con pietre e cristalli ci sono alcune cose essenziali che tratteremo:
– come pulirli da energie estranee
– come caricarli con l’intenzione
– come posizionarli ed usarli

Non tutti i kit avranno gli stessi minerali

Potreste aver comprato pietre grezze, o burattate, palm stone o piccole sfere.
Le pietre scelte per ogni singolo chakra, potrebbero non sempre risultare le stesse in set differenti. È normale, non è matematica, ogni chakra può avere più pietre che possono aiutarlo ad equilibrarsi o energizzarlo.
Allo stesso modo, ogni chakra può trarre giovamento da pietre differenti.

Colori delle pietre per chakra

pietre per chakra

Come regola generale, per avere un’idea indicativa su quale pietra corrisponde a quale chakra, seguite la scala cromatica dell’arcobaleno, dove quindi, i minerali di colore:

Rosso, sono associati al primo chakra (radici)
Arancio, secondo chakra (sacrale)
Giallo, terzo (plettro solare)
Rosa e verde, quarto (cuore)
Azzurro, quinto (gola)
Viola e blu scuro, sesto (terzo occhio)
Violetto e bianco trasparente, settimo (corona)

Forme dei cristalli per chakra

Come abbiamo già accennato, pietre e cristalli in questi set possono trovarsi in diverse forme e dimensioni, grezze, burattate, palm stone (piatte), sfere ecc..

Vanno tutte bene, purché si tratti di pietre naturali di qualità, non colorate artificialmente.

Per comodità se si vogliono posizionare sul corpo, le più indicate potrebbero essere le PALM STONE. La loro superficie piatta, le rende comode appunto da palmo, o per il posizionamento sui chakra.

→ Le SFERE invece solitamente vengono proposte con un collanina dal ciondolo apribile, dove inserire all’occorrenza, la pietra scelta. Questa è una soluzione interessante, ma probabilmente più come gioiello che come set da usare in meditazione e layout cristallino.

Interessanti le PIETRE GREZZE, magari non per tutti hanno la stessa bellezza di un minerale levigato, noi personalmente ci troviamo molto bene con i minerali grezzi, lasciati alla loro “forma originale” senza troppi interventi da parte dell’uomo.

I kit con le pietre da palmo (piatte palm stone) sono probabilmente i più pratici, molto comodi da posizionare sul corpo all’occorrenza, e da tenere tra le mani.

Forme e caratteristiche di pietre e cristalli: quale scegliere?

Simboli incisi si o no?
Alcune pietre potrebbero presentare il simbolo del chakra corrispondente inciso su di esse. Un particolare carino, magari anche comodo per riconoscere e ricordarsi la corrispondenza con i chakra, comunque non un requisito necessario alla funzionalità della pietra.

Preparazione pietre per chakra

Hai acquistato dal tuo rivenditore di fiducia, un set di pietre naturali, per i 7 chakra, ora la prima cosa da fare è “renderle tue”, quindi pulirle e purificarle da energie esterne e caricarle con le nostre intenzioni.
1. Le pietre si possono purificare in vari modi con acqua, incenso, sale ecc. Non tutti i minerali e cristalli hanno, però, la stessa durezza e composizione, e quindi la reazione a pulizie invasive come con acqua e sale possono danneggiare le più delicate.
Per questo motivo consigliamo sempre e solo la pulizia con il fumo (incenso, salvia, palo santo ecc.). Oltre ad essere delicata ed ideale per qualsiasi pietra, è un sistema altamente efficace!
2. Una volta pulite potete tenerle in mano qualche secondo, caricandole della vostra intenzione (in questo caso l’intento sarà di equilibrare i chakra).
Pietre e cristalli si possono caricare anche mettendoli a contatto con il terreno, o sfruttando l’energia del sole o della luna, in determinate fasi lunari.

Se vuoi approfondire ti consigliamo questi post:
pulizia cristalli
cosa fare in base alle fasi lunari

3. A questo punto, dopo aver riconosciuto, pulito e caricato le tue pietre, possiamo iniziare ad usarle in una meditazione con cristalli / layout cristallino, semplice ed efficace: stendetevi ed appoggiate le pietre sui vari chakra.
1. sotto i piedi (staccato dal corpo)
2. sull’organo genitale
3. all’altezza del plettro solare, circa a metà tra ombelico e cuore
4. sul cuore
5. sulla gola
6. tra le sopracciglia, in mezzo agli occhi
7. dietro la testa (staccato dal corpo), non sotto la nuca, ma oltre la testa

Una volta posizionati i cristalli, chiudete gli occhi, respirate ed ascoltate le vostre sensazioni e l’energia che scorre.
Potete seguire la tecnica di rilassameno e rimanere nella posizione qualche minuto.
Potete esplorare ogni chakra uno ad uno, visualizzandoli ed esplorandoli singolarmente.

Ci sarebbe ancora tanto da dire, come sempre, su pietre e cristalli. Soprattutto per imparare a riconoscerli e capire se si tratta di pietre naturali o imitazioni. Come per tutto basta usare il buon senso, colori troppo inusuali e sgargianti possono indicare una colorazione artificiale. Inclusioni di bollicine di aria, possono indicare che si tratti di semplice vetro.. kit a prezzi molto più bassi della media, possono essere un pò sospetti, a livello qualitativo.

Se avete qualche dubbio su qualche pietra specifica potete trovare molte informazioni nei nostri post sui chakra e sulle pietre (bianche-nere), cercando #pietrecristalli


img credits: wildandfreepeople, thehealthymelissa, cinnabarsoul, thepeacefulpiece, thelunarfaeshop, redrockyogashop, tinyomjewellery.